venerdì 31 dicembre 2010

Dedica di fine-inizio anno

Una dedica per chi segue questo blog.

Esperia

Il tramonto invernale, fiammeggiando su
comignoli e guglie distaccati dalla 
sfera terrena, apre varchi grandiosi su
un passato teso verso la gloria ed il divino.

Bruciano in quelle fiamme meraviglie
e l'avventura è tinta di spavento.

Una schiera di sfingi indica un luogo
dove torri e muraglie si distendono
vibrando al suono di lontane lire.

E' la contrada ove fiorisce
il senso dell'eterna bellezza; 
fonte delle meraviglie senza luogo,
dove il fiume del tempo ha la sorgente
nel gran vuoto percorso dalle ore,
punteggiato di stelle senza fine.

Il sogno l'avvicina ma l'antica sapienza
ci ripete che l'uomo mai percorre quelle vie.

H.P. Lovecraft


Auguro a tutti di avere il coraggio di percorrere quelle vie senza aver paura dell'ignoto, senza mai approfittare del rifugio consolatorio dell'immaginazione.


saluti, mr. henri

martedì 28 dicembre 2010

verso fine anno

Di solito in questo periodo dell'anno si stendono bilanci, non economici, ma questa volta non voglio farlo, è stato un anno diverso per molti versi, non so se migliore o peggiore degli altri, voglio solo concentrarmi su uno di quei sogni nel cassetto e realizzarlo.

Aprire il cassetto scrollare la vecchia agenda piena di appunti, note e desideri, progetti, prenderne uno e realizzarlo senza girarci sopra, senza riempirlo di tutti quei particolari che fino ad ora lo hanno reso irrealizzabile.

Un sogno, un semplice sogno, il più banale!

giovedì 23 dicembre 2010

Auguri


Un

augurio

di buon natale

a tutti, a presto

con qualche aggiornamento

fotografico
sulla
neve

lunedì 20 dicembre 2010

Vintage Henri

Non so che avevo dentro a quella capoccetta
ma mi fanno troppo ridere queste foto.


sfogliando un vecchio album, mr.henri e sorella stefanietta

sabato 18 dicembre 2010

in cucina con la nonna

Questa notte ho fatto un bel sogno, era un pò che non sognavo, ero nella cucina di mia nonna in abruzzo in piedi sulla sediolina rossa con le mani poggiate sul tavolo, la guardavo impastare la farina, era una cosa che mi piaceva molto vederla cucinare, poi ci sedevamo ad aspettare che il dolce fosse pronto.

Ci passavo le ore in quella cucina seduto su quella sedia in sua compagnia, quella sedia rossa a misura di bambino con il sedile di vimini intrecciato, non vedevo l'ora di andarla a trovare perchè quando andavo da lei o era estate o era un periodo di festa per stare tutti insieme.

Ora quando vado in paese e passo davanti al balconcino dal quale mi chiamava o mi salutava mentre giocavo in piazza non riesco a girarmi per guardarlo.

mercoledì 8 dicembre 2010

tempeste di pensieri

Capitano quei giorni in cui fai tante cose ti tieni impegnato, cerchi di non pensarci ed invece ti vengono mille pensieri, tanti che vai troppo avanti e ti viene pure il mal di testa, mbe oggi è un giorno di questi.

Pensi di riposare tranquillamente facendo un giro in una mostra ma no non serve a nulla, torni a casa e ti senti più stanco di prima, non parlo fisicamente quello non è niente, sembra sempre che il tempo passato a riposare non sia abbastanza, e non è che spalo la neve durante la settimana, lavoro normalmente come tutti questo lo so.

Allora è la tempesta di pensieri che ti investe e te la carichi dentro come se da fuori ci fosse un vento che ti spinge in direzione opposta.

Booo forse è solo una sensazione magari basta buttarsi nel letto, andare a dormire presto per spegnerne gli effetti, è solo una giornata che è nata così, male.


martedì 7 dicembre 2010

a qualcuno piace caldissimo .....

..... il cioccolato naturalmente.

Ormai per me è droga vera: 

la sera, al posto della cena

la mattina, a colazione

nel mezzo della notte.

Anche se sto diminuendo le dosi, sono passato dallo squaglio di tavolette alla polvere cacao amaro, tanto per alleggerire, ne sento spesso il bisogno.

pensiero notturno, mr.henri

domenica 28 novembre 2010

Entropia e cioccolata calda

Sul concetto di entropia (interpretata come il caos in un sistema fisico) si è largamente discusso sin dalla sua definizione nell'800, ma non voglio certo parlare di questo.
L'aumento di entropia rappresenta la manifestazione del disordine.
La cioccolata calda secondo me inverte il concetto di entropia in quanto genera sollievo nell'organismo disordinato, secondo me si tratta di una vera trasformazione fisica, non termodinamica ma quasi, riscalda e dà sollievo specie se accompagnata da un buon film un comodo divano ed una coperta di pile.

riflessione della domenica, mr.henri

sabato 27 novembre 2010

una certa ... coerenza

"afraid to shoot strangers ..... afraid to shoot strangers" 

così finisce l'omonima canzone degli Iron Maiden.

Certe persone mi ricordano i versi di questa canzone, una metafora per dire che non bisogna aver paura di dire le cose come stanno, di sparare a zero, dire la verità senza girarci intorno, anche a chi non ti conosce o che ti conosce per la prima volta.

Ennesima dimostrazione di come la musica di un certo tipo, il metal soprattutto, guardata da molti con diffidenza, va ascoltata e capita.

saluti
mr. henri

mentre ascolto " Iron Maiden, live at Donington 92' " 

giovedì 25 novembre 2010

come la nebbia in Val Padana

Tranquilli non è un post sulla politica.

E' che non ho mai visto la "nebbia in Val Padana", è come un mito, tutte le mattine d'inverno alle previsioni del tempo ne parlano,  mi è capitato svariate volte di essere alla stazione di Milano di mattina presto in partenza per Roma e alla stazione c'era sempre la nebbia, mai vista una nebbia così, sembrava che volesse salire sul treno, mi addormentavo sempre nel primo tratto di viaggio quindi la nebbia vera, quella in Val Padana, non l'ho mai vista, ma c'era ne sono sicuro.

Non ci puoi fare niente non la levi la nebbia, se sei in macchina ed accendi i fari è peggio devi rassegnarti ed andare piano ed allora riesci ad uscirne senza perderti.

notte, mr.henri

lunedì 22 novembre 2010

De-Celebration

Inizio settimana rallentato da un paio di situazioni di stallo lavorative, meglio, un lunedì nel quale tutti corrono ed io resto a guardare, non in finestra perchè piove, ma distante riflettendo sul momento di far scatenare qualche desiderio di quelli strani, tipo un bel viaggetto fuori stagione, per ora meglio se mi dedico a cercare la stazione radio giusta che accompagni qualche lettura serale, ho una pila di libri che prende polvere vicino al letto.

Un brandy di quelli che ti scioglie la mente e ti mette in condizioni di leggere 100 pagine di un fiato senza alzare gli occhi e buona musica, si è la serata giusta.

saluti, mr.henri

sabato 13 novembre 2010

Celebration

Chissà se Frusciante un giorno rientrerà nel gruppo
(dei Red Hot Chili Peppers).
Per ora ci godiamo un suo virtuosismo con Omar Rodriguez.

La dedico a chi percorre la vita con me su questo blog.


buon fine settimana a tutti, mr.henri

mercoledì 10 novembre 2010

Parole stanche

Dopo un bel periodo di sonni profondi da una settimana circa è tornata l'insonnia, sarà la vicinanza a certi eventi che ti portano a riflettere? le rotelle girano e non si stacca mai la spina, continui bilanci di ciò che è fatto e di ciò che resta da fare per non far passare impunemente un altro anno, il solito anno, con pochi elementi da segnalare.
Se saltasse fuori un vecchio amico da dietro un angolo di strada quali sono le cose, i cambiamenti eclatanti della mia vita che gli racconterei?
... ... ... ...
Probabilmente ci metterei talmente tanto a rispondere a questa domanda che l'amico sarebbe gia lontano.
O forse no qualcosina avrei da dirgliela alcune piacevoli altre spiacevoli, altre ancora inutili.

deliri notturni, mr.henri

giovedì 4 novembre 2010

Recensione

In questi giorni ci ho dato dentro con il cinema ma andiamo ad analizzare questi filmetti:

Inception ( Christopher Nolan 2010 )

Dom Cobb (Leonardo Di Caprio) è un ladro molto particolare, utilizzando droghe psicotrope riesce ad entrare nei sogni delle sue vittime per carpire informazioni e segreti industriali, a causa di questo suo lavoro si è dovuto però allontanare dalla sua famiglia decide quindi di accettare un ultimo pericoloso incarico che gli permetterà di ricongiungersi con i suoi figli.
Si tratta di un film molto ben costruito e dalla trama molto articolata, va seguito con estrema attenzione per cogliere i dettagli della storia, io l'ho visto due volte, almeno una volta va visto al cinema per le scene davvero spettacolari che rendono bene sul grande schermo, devo dire che in questi ultimi anni ho visto due bellissimi film con Di Caprio che non era certo il mio attore preferito, il primo è "Shutter island" ed il secondo è questo, da vedere.

Benvenuti al Sud (Luca Miniero 2010)

Alberto (Claudio Bisio) è un impiegato delle poste che fa letteralmente carte false per farsi spostare dalla provincia di Milano ad un ufficio nel centro, ma viene scoperto e per punizione trasferito al sud per 2 anni.
Una commedia comica con davvero pochi spunti interessanti, ha avuto molti elogi dalla critica ma non ne avrà da me, mi è sembrato un film banale retto da poche brillanti battute di Bisio che fa la parte del milanese in mezzo ai terroni, già visto, almeno avessero preso spunto da qualche film di Pozzetto che di queste parti ne ha fatte tante. Tra gli attori anche il comico Massimo Siani che per me di comico non ha nulla, per dirla tutta mi sta sulle palle, potete evitare.

L'illusionista (Sylvain Chomet 2010)

Film muto di animazione che racconta dell'incontro tra un illusionista ed una giovane ragazza di paese che affascinata dall'eleganza e dalla bontà di questo uomo d'altri tempi lo seguirà nella grande città diventando come una figlia adottiva.
Il film è ambientato tra le due guerre ed evidenzia il declino di alcuni mestieri come quello dell'intrattenitore teatrale a scapito del cinema o delle rock band, i disegni sono spettacolari e la musica che fa di sottofondo al film è molto delicata come la storia, un film malinconico che il regista realizza ridando vita al comico degli anni trenta Jacques Tati, da vedere.

saluti, mr.henri

lunedì 25 ottobre 2010

"fà la cosa giusta"

Non so se avete visto questo film di Spike Lee, mbe io non ci ho capito nulla o forse non c'èra nulla da capire perchè alla fine nel film ognuno fa solo quello che ci si aspetta dall'inizio e cioè si ribella, si ribella perchè la vita che fa è in conflitto con la sua natura, è impossibile che faccia quella vita nell'ambiente che lo circonda, dovrebbe andar via lontano da tutti e ricominciare da capo per migliorare ma non ne è capace e quindi "fà la cosa giusta" che è poi quella sbagliata, quella che vogliono gli altri, si adegua agli altri, ma sbaglia.

Da tempo ho smesso di "FARE LA COSA GIUSTA" ma la strada è ancora lunga.

notte, mr.henri

domenica 24 ottobre 2010

una domenica di sole


Canzone ideale per incorniciare una bella domenica di sole.

...Out of the Shadow and into the sun 
( fuori dall'ombra e dentro al sole )
Dreams of the past as the old ways are done 
( i sogni del passato come le vecchie vie sono passati )
Oh there is beauty and surely there is pain 
( è stato bello e non senza dolore )
But we must endure it, to live again...
( ma dobbiamo resistere, e vivere di nuovo... ) 

sicuramente una delle mie preferite

saluti, mr. henri

sabato 23 ottobre 2010

uno scatto

Regalo questo scatto a chi segue il mio blog.



Buon fine settimana ;)

( P.S. chi ha il mio contatto su flickr può vederla a dimensione ancora più grande 1024x768 )

domenica 17 ottobre 2010

Recensione

eccone un altro:

Innocenti Bugie ( James Margold 2010 )

June Havens (Cameron Diaz) è una giovane meccanica in viaggio per cercare pezzi di ricambio per le sue auto quando incontra un affascinante agente segreto Roy Miller (Tom Cruise) in fuga, ne scaturisce una serie di eventi che cambieranno per sempre la sua vita.

Non ci vuole molto a descrivere questo film abbastanza brillante sullo stile di mission impossible ma in chiave molto ironica, il ritmo degli eventi regge bene per 3/4 e poi cala un pò ma complessivamente è un film divertente dal quale risulta evidente la migliore propensione di Cruise per i ruoli divertenti rispetto ad altri polpettoni dove l'ho visto far fatica a restare serio, un buon connubio tra azione e risate, da vedere.

saluti, mr.henri

P.S. Cameron Diaz l'ho trovata un pò sbattuta e con qualche occhiaia di troppo, ma che combina la sera?

mercoledì 13 ottobre 2010

fuori in 30 secondi...

"Aaaaaa bello abbiamo finito per oggi se ne potemo anna a casa" mentre la collega dello Studio di Architettura "i due Serci" pronuncia queste parole lo scaltro geometra sta già riavvolgendo il filo dell'alimentatore del portatile che caldo come un tostapane fa compagnia ad un paio di cartelline nello zaino, nulla può fermarlo, non ascolta gli ultimi avvertimenti lavorativi, annuisce abbozzando un sorriso ma è già con la mente lontano......fuori, fuori in 30 secondi.

Successivamente, nel tentativo di accedere all'informazione televisiva un monito sente udire da voce femminile attraverso il tubo catodico"beato chi soo fa er sofà" , ma questa è un'altra storia. 

tratto dal diario di avventure dello "scaltro geometra" 
4/5 arch. 1/5 stronz.

mr.henri

segni di stanchezza?

No! non abbasso mai la guardia, neanche un pò, mi butto sul 4 albo di "La Torre Nera" e ci passo la prossima mezzora prima che il sonno cada sui miei occhi per nulla stanchi.

Domani, oggi, giornata niente male, ma spero di metterci dentro anche qualche ora da buttare nello sport, anzi da guadagnare nello sport, le pioggerelline hanno ridotto la mia presenza in villa ed il cavolo di dolorino al ginocchio sta subentrando come scusa per fare meno, ma sta volta non mi frega, fasciatura stretta e via, manca solo qualche brano ad accompagnare la risalita, a far riprendere il ritmo.

notte, mr.henri

lunedì 11 ottobre 2010

Comincio a non SOPPORTARE...

.... i NEGAZIONISTI : non parlo di quello politico o storico, ma di quelle persone che quando ci parli iniziano ogni frase con i termini "No" , "aspetta No", "ma NON è quello", "ma No invece io farei.." ecccc... mi è di un insopportabile  che non vi immaginate, riescono anche a negare le cose più evidenti.

L'altro giorno cercando una cosa in un negozio e trovo un commesso particolarmente ostico, gli faccio vedere un prodotto di una certa marca, il foglio era stampato catalogo ufficiale di questa marca e c'era a lettere cubitali la scritta "tecnogas" secondo voi quali sono le prime parole che gli escono dalla bocca "ma No questo non è della tecnogas"  al che gli dico "mi sembra un pò strano visto che questo foglio è stampato dal loro catalogo, comunque grazie mi rivolgerò altrove" ma intendevo "ascolta o leggi bene prima di parlare coglione!".

.... gli SMINUITORI : ovvero che quelli che quando ti parlano di qualche lavoro che devi fare la prima cosa che dicono è "ma che ci vuole", "ma dai è una cazzata" eccc... di questi nel mondo del lavoro ne incontri a tonnellate e la prima cosa che mi viene in mente quando se ne escono con questa frase è "ma allora che cazzo mi hai chiamato a fare! fattelo da solo" molta di sta gente poi è proprio quella che non sa fare e non capisce un cazzo.

cominciamo bene ed è solo lunedì,

saluti mr.henri

domenica 10 ottobre 2010

Recensione

Ecco un titolo non troppo recente che ho tardato a vedere e capirete presto perchè:

Resident Evil: Afterlife (2010 Paul W.S.Anderson)

Il virus T ha infettato gran parte dell'umanità, trasformandola in feroci zombi, la Umbrella Corporation che ha creato il virus inizialmente per creare super soldati continua a studiarne gli effetti in una delle sue sedi nel sottosuolo di Tokyo, Alice, l'unico essere vivente che ha nel dna il virus T, l'unica super combattente creato dalla Umbrella e ribellatasi alla diffusione del virus, decide di attaccare la sede di Tokyo per distruggerne i laboratori e uccidere Alberr Wesker, presidente della Umbrella Corporation che ha portato sull'orlo dell'estinzione il genere umano devastando la terra.
Quarto episodio della serie Resident Evil, ispirata all'omonimo videogioco Capcom, il film ripropone come nei precedenti episodi la lotta di Alice, interpretata sempre da una bellissima Mila Jovovich, contro la distruzione del genere umano da parte della multinazionale Umbrella Corporation, l'unico problema è che a questo punto la trama diventa inesistente e non ha senso il continuo accanimento dell Umbrella nel cercare di controllare il virus ora che l'umanità praticamente è ridotta a poche decine di migliaia di unità, anche perchè non c'è antidoto per le vittime.
Allora tutto si riduce nella solita fuga dei sopravvissuti dagli zombi alla ricerca del paradiso perduto, e alla solita lotta contro la Umbrella Corporation. Molte le citazioni ad altri film del genere da parte del regista, uno dei combattimenti iniziali imita molto qualcosa già visto in matrix e in altri videogiochi usando la tecnica del bulletproof (rallentare le scene di combattimento).
I coprotagonisti fanno la loro parte, Claire e Chris Redfield sono interpretati da Ali Larter (la bionda della serie Hero)  e Wentworth Miller ( il Michael Scofield di Prison Break ). Per chi volesse vedere il film occhio che in mezzo ai titoli di coda c'è una ultima scena che lascia aperta la possibilità di un prossimo film.
Nel complesso mi dispiace dirlo ma è un film da non vedere.

saluti, mr.henri

venerdì 8 ottobre 2010

sognare l'esame di maturità

L'altra notte ho fatto questo sogno, pare ricorra molto nella psicologia, leggendo qua e là su internet non sono riuscito a capirne il significato, poi il mio è stato un pò particolare perchè in mezzo a ricordi veri di quei giorni stressanti c'erano anche ricordi fasulli o quantomeno provenienti da film e barzellette.

Del vero ricordo:
- C'era il ricordo di un mio prof, scrutatore, che fa lo scemo con una giovane signorina della commissione.
- C'è la faccia di un mio compagno di scuola che guardando i quadri si accorge di non essere stato ammesso.
- C'è una mia immagine mentre leggo le tracce del tema con la mano della prof di italiano poggiata sul banco che mi da alcune indicazioni che non ascolto minimamente.

Del falso ricordo:
- C'è uno studente che risponde in modo assurdo a delle domande di geografia e poi alla domanda di riserva di alcuni disperati professori " ci parli di Manzoni " risponde " non lo conosco ho frequentato poco i compagni di classe ".
- C'è Pierino che da un calcio in culo alla prof di storia facendola saltare dalla finestra.
- Come preside che gira per le aule a controllare gli esaminati ,con aspetto fiero e austero, come si usava una volta, c'è Gianfranco D'Angelo con tanto di "baffetti da sparviero" e capelli ricci folti.

Ed altre cose che non ricordo bene.

Insomma un delirio, forse devo farmi vedere da uno specialista o0!

buon fine settimana ;)

giovedì 7 ottobre 2010

che fine ha fatto la famiglia?

C'era una volta la famiglia, quella che ti proteggeva a tutti i costi, a volte troppo, ma ci stava pure.
C'era una volta la famiglia, quella assente, e forse era meglio perchè venivi su più forte degli altri.
C'era una volta la famiglia, quella esigente, oppressiva e critica.

Ma c'è anche la famiglia assassina, quella di madri e padri che follemente uccidono parenti e figli, quella di parenti capaci di efferati delitti, quella del vicino di casa, di pianerottolo, che una volta era uno di casa che ora è un assassino.

Ma siamo arrivati al punto che non riusciamo più a capire chi ci è vicino?, a percepire minimamente il prossimo?, o si sta perdendo la misura e quello che non possiamo ottenere facciamo prima a distruggerlo o umiliarlo?.

Che brutta vita che lasciamo ai nostri nipoti e figli se dobbiamo farli vivere nella paura del prossimo, specie se è anche un parente o un amico.

un pensiero sulla società , mr.henri

lunedì 4 ottobre 2010

settimana con l'ombrello

" E con l'aiuto del sole vincerò ! " diceva l'eroe di un vecchio cartone animato, ed invece la tristezza di questo inizio ottobre, il sole di questa estate si fa già rimpiangere, viste le previsioni di questa settimana mi toccherà rinunciare qualche volta anche alla moto, doppia tristezza!

Ultimamente mi sono scoperto metereopatico e sta cosa proprio non mi va giù, avverto una reazione lenta dell'organismo a reagire questo inverno che arriva tropo presto, mi serve più energia ed il sole me ne dava tanta.

Speriamo di rimediare qualche raggio tra le nuvole e la lenta odiosa pioggerella.

buona settimana a tutti, mr.henri

aggiornamento 7/10/2010 
ad oggi le previsioni hanno toppato sole splendente

mercoledì 29 settembre 2010

....ma pigliatela sta lavatrice!

Il titolo del post è preso da una famosa gag su di un tizio (tale Mario Magnotta) a cui volevano appioppare (vendere) una lavatrice per telefono, tutto ciò per farsi due risate ma anche per introdurre un problema di altra natura, il risparmio energetico in casa.

Premetto che non voglio appiopparvi (vendervi) una lavatrice nuova ma solo fare una considerazione sui nostri consumi energetici, bollette alla mano è facile rendersi conto come per produrre acqua calda sia più conveniente usare una caldaia a gas, quella che già utilizziamo per uso domestico e quando accendiamo il termosifone. Fate un salto su questa pagina per rendervi conto come con questo semplice meccanismo, che ha dei costi ridotti (circa 160 euro), si possa risparmiare ben il 40% del consumo energetico di un lavaggio con la lavatrice. Forse ve ne avevo già parlato ma ora intendo prenderne un paio di questi arnesi, magari può essere anche un buon regalo per chi ha una famiglia numerosa.

saluti, mr.henri

lunedì 27 settembre 2010

Diceva il maestro....

" Non possiamo sottrarci all'architettura finchè facciamo parte della civiltà (....) "


Purtroppo maestro mi tocca risponderle che oggi nel 2010, lontani dal suo idealismo, ci siamo già sottratti dall'architettura!

Parlo di tutti quei bei discorsi che si fanno in questi giorni sulla periferia romana, tipo "abbattiamo Tor Bella Monaca per costruire un quartiere più vivibile ".
Ovviamente non discuto sul fatto che questo quartiere abbia delle grosse carenze dal punto di vista dei servizi, e sulla sicurezza, due giorni fa hanno trovato in un garage una raffineria di droga, ma sul fatto che tutta questa storia mi sembra l'ennesimo modo per creare guadagno a certe persone.
E' troppo facile dire abbattiamo, la prima domanda è: ma nel frattempo la gente che vive lì dove la metti? vuoi abbattere progresivamente ?, peggio mi sento crei casino a chi nel frattempo resta e aggiunge disservizi a quelli che già ci sono.
Ma il problema sta comunque alla radice;
- Negli anni '80 quando vennero costruite le famose torri c'erano già gli strumenti urbanistici, p.r.g. del 1962, per evitare che si creasse un quartiere dormitorio senza spazi di aggregazione e una identità di quartiere;
- C'erano già gli strumenti legislativi per evitare, che mentre si decideva cosa fare delle aree limitrofe, l'abusivismo crescesse degradando e penalizzando le costruzioni future, e poi fare l'errore di condonarle con una legge del '78.
Allora mi chiedo: oggi che intorno a Roma sta sparendo l'agro romano, per costruire centri commerciali e nuovi quartieri dormitorio, andiamo a ravanare lì dove ci sono ben altri problemi perchè quella zona fa gola a qualcuno? la risposta è sì, ci sono un paio di nomi di costruttori romani che potrei dare profeticamente se mai si arrivasse ad un concorso di appalto per rifare Tor Bella Monaca.

saluti, mr.henri

venerdì 24 settembre 2010

Cotta e maGnata, magari!



Ho proprio voglia di.......una fetta di parmigiana di zucchine, come mi è venuto in mente?
Probabilmente mi è arrivato qualche messaggio subliminale guardando la tv, ma forse più semplicemente perchè ne ho voglia, è l'unica pietanza che non ho imparato a cucinare, almeno come piace a me, forse sbaglio la cottura   o qualche fase della preparazione, ogni volta che cerco consiglio trovo opinioni discordanti.
Non che sia la cosa più importante del mondo ma ci tengo, dovrò provare, provare e riprovare sperando di non fare troppi macelli.

a presto, mr.henri

giovedì 9 settembre 2010

Recensioni

Torniamo alle buone vecchie abitudini:

Solomon Kane (Michael J. Basset 2010)

Kane è un mercenario che ha dedicato gran parte della sua vita combattendo per accrescere la sua fama, raggiunge il successo in battaglia ad ogni costo, sacrificando molti dei suoi compagni, senza farsi scrupolo delle sue azioni, in una delle sue ultime avventure una creatura infernale gli impone di non combattere più altrimenti perderà la sua anima, Kane si ritira in un convento ma presto dovrà tornare a decidere del suo futuro.

Il film è tratto dai racconti, e dagli omonimi fumetti, di Robert E. Howard, creatore anche del personaggio di "Conan il Barbaro", naturalmente non mancano al regista ed agli sceneggiatori gli spunti per far bene, il film è ben fatto, il ruolo del protagonista interpretato James Purefoy e gli altri interpreti, tra cui Max Von Sydow sono adatti ai loro ruoli, costumi e scenografie eccezionali, da vedere.

Pandorum, l'universo parallelo (Christian Alvart 2010)

Le risorse della terra sono agli sgoccioli, viene identificato un pianeta nella galassia da colonizzare e una nave viene inviata con a bordo coloni e scienziati, la nave è completamente automatizzata e l'equipaggio viene addormentato per resistere al lungo viaggio, ma due membri dell'equipaggio il tenente Payton ed il caporale Bower vengono risvegliati per far fronte ad una emergenza, ma gli effetti del lungo sonno ha cancellato parte della loro memoria.

Una ottima trovata quella che porta i personaggi a recuperare la memoria mentre aumenta il ritmo della storia e cresce il pericolo nel quale si trovano, ben girato e con colpi di scena ad effetto, scenografie di qualità che lasciano gli effetti speciali al minimo, anche gli attori fanno la loro parte con una buona recitazione, Danis Quaid nella parte di Payton e Ben Foster nella parte di Bower, da vedere.

saluti, mr.henri

lunedì 6 settembre 2010

ore 1.28

Sono stato una settimana a pensarci sopra, facendo maturare qualche paranoia, tipo il post precedente.
Poi ho fatto quello che mi riesce meglio quando devo risolvere un problema, metto tutto nero su bianco, su carta, infilo tutto in una busta, affranco, e spedisco.
Perchè? perchè una lettera scritta di pugno è molto meglio di una email, o di parole fredde e lucide ripetute nella mente e ridette tramite il microfono di un cellulare, perchè quando ti scivolano via dalle mani le rileggi e sai che è così hai ragione e basta.

ore 1.28 ,  la busta bianca scivola nella casella "per tutte le altre destinazioni".

Con questo post chiudo il ciclo " l'incomprensibile mr.henri " e passo oltre.

notte, mr.henri

giovedì 2 settembre 2010

Differenti mondi

Sono un totalitarista del lavoro?
A questo potrebbe rispondere solo chi ha lavorato con me, ma penso che la risposta sia SI.
Ogni volta mi faccio coinvolgere dal lavoro, il lavoro diventa quello che vedo in quel momento, in quelle ore e non c'è altro a volte per giorni, non ci sono orari e scuse, si lavora, chi mi sta a fianco in quel momento viene spremuto, sacrificato ogni suo neurone alla ricerca della soluzione, della fine del lavoro.
Quale è il problema? 
Il problema è che diventa comprensibilmente pesante starmi vicino perchè mi scordo di tutto e di tutti, di rispondere a quel messaggio che mi è arrivato da ore, di chiamare questa e l'altra persona, di rispondere al telefono cellulare, che odio, ma che ormai oggi bisogna avere attaccato all'orecchio.
Forse mi piace essere così, in cerca della redenzione almeno nel mondo del lavoro....

mr.henri

mercoledì 25 agosto 2010

The Final Frontier, Iron Maiden

Non passa indifferente il nuovo album del mio gruppo musicale preferito, di seguito riporto un collage delle parole di alcune canzoni che mi hanno colpito maggiormente, traduzione fatta un pò a braccio ma il senso credo sia chiaro:

"The Alchemist" (l'alchimista)

I have plundered time itself, put the world inside it
(ho saccheggiato il mondo, ho messo il mondo al suo interno)
I'm the mysteries, day and night divided
(io sono i misteri, diviso tra notte e giorno)
A plague of wonders, on your knees beside me
(una piaga delle meraviglie, in ginocchio affianco a me)
Know the secrets, you shall not deride us
(conoscere i segreti, senza farci deridere)

"Isle of Avalon" (L'isola di Avalon)

All my days I've waited for the sign
(in tutti questi giorni ho aspettato il segno)
The one that brings me closer to isle of Avalon
(quello che mi porta più vicino all'isola di Avalon)
I can feel the power flowing through my veins
(sento il potere che scorre nelle mie vene)
My heart is beating louder, close to Avalon
(il mio cuore batte più forte nei pressi di Avalon)

"The man who would be king" (l'uomo che voleva diventare re)

As he journeys across mountain passes
(mentre viaggia attraverso passi di montagna)
His reflection of the beauty around him
(riflette sulle bellezze che ha intorno)
Feeling empty inside
(con una sensazione di vuoto dentro di se)

"When the wild wind blows" (quando il vento soffia selvaggio)

Can't you see it on the T.V.?
(riesci a vederli in tv?)
Don't believe them in the least bit
(non credere a niente di quello che dicono)
Now the days of our ending have begun
(adesso, è arrivato il giorno della tua fine)
Just another day when the wild wind blows...
(solo un altro giorno nel quale il vento soffia selvaggio)

non sono stupende?

Far, far away, mr.henri

lunedì 23 agosto 2010

Un "post" al sole

Ho preso qualche appunto sul cellulare in questa estate pensierosa per non perdermi in chiacchiere che poco fanno storia.

"Notti di cielo stellato" 10/08
Un paio di gran riserva, un morbido stuoino, musica nelle orecchie ed il cielo stellato come coperta, in attesa di una stella cadente.
Dopo qualche ora e qualche satellite avvistato eccola!, niente più vecchi desideri, chiudo gli occhi, ce ne sono di nuovi, più egoisti, per realizzarne alcuni ci posso mettere del mio, per gli altri non dipende da me, per questi mi affido al destino.


"Ripensandoci" 18/08
occasioni perse, ovvero: perchè non mi hai portato a Posillipo se mi volevi bene?
(questa non potrete mai capirla ma la scrivo lo stesso)




;)  mr.henri

martedì 3 agosto 2010

Chiuso per ferie

Un saluto a tutti quelli che leggono il mio blog,

ci vediamo presto con qualche aggiornamento fotografico,

nel frattempo divertitevi quanto potete,

e rilassatevi quanto basta ;)

a presto, 

mr.henri

mercoledì 28 luglio 2010

Darkside of Aquarius


oggi vi dedico questa

saluti ;) mr.henri

giovedì 22 luglio 2010

intrappolato nella commedia

Rubo questo titolo di uno spettacolo per dire una cosa, forse con un pò di presunzione, spesso mi capita di avere a che fare con persone, in ambito lavorativo, che sembrano tutti personaggi di una commedia stonata, stonata perchè le situazioni che capitano non si risolvono per questo e quell'altro motivo; 

- primo perchè la gente non è più abituata ad ascoltare; 
- secondo perchè c'è una ignoranza generale nel mondo del lavoro che porta sempre a cercare di risolvere le situazioni in modo confusionale e mai per le giuste vie e procedure.

Sarà che sono abbastanza pignolo ma a volte mi sembra davvero di essere intrappolato nella commedia, della vita lavorativa,  e di non avere il copione per poter rispondere alle battute se non andando in contrasto continuamente con la storia, la vicenda, la pratica.

Alla fine la soluzione è sempre quella di farsi girare le palle e gridare nello orecchie della gente cose che avevi già detto prima quando avevano le orecchie tappate, dall'ignoranza o dalla inettitudine.

eccheccazzo!, menomale che domani è venerdì

saluti, mr.henri

lunedì 19 luglio 2010

perdiamoci di vista!

Ieri sera alle 23 mi arriva il messaggio di una mia amica, è stata qualcosa dippiù di una amica, tutto era complicato allora, ma questo ora non ha importanza, poi si è sposata mentre io vabbè ....lasciamo perdere..., in sostanza mi chiede se mi va di incontrarla, fare due chiacchiere, come sto, come non sto ecc.
Vabbè non c'è problema "vediamoci" le scrivo dopo un pò.
Parte un crivello di sms botta e risposta, alla fine viene fuori che mi aveva intravisto la settimana scorsa ed io non l'avevo notata quindi aveva pensato che l'avessi evitata, ed allora le è partito un trip mentale da paura culminato con il primo suddetto sms.
Al che le dico "ma che non ci dormivi stanotte per dirmi questa cosa?" e lei mi dice "no è che ci stavo male a pensare che neanche mi salutavi" e quindi le scrivo "non ti ho vista mica giro sempre con i radar accesi".
Ora a ripensarci non so proprio se mi va di incontrarla, certe cose vanno lasciate dove stanno senza andarle a smuovere troppo, forse penso così solo perchè è stata una persona che ha fatto parte di un periodo incasinato della mia vita che ha portato solo ad incasinamenti peggiori?
 ......ma!? vedremo

saluti, mr.henri

venerdì 16 luglio 2010

e finalmente arriva il venerdì

Questo post è dedicato alle Ragazzotte (*) che seguono il mio blog, per un motivo o per l'altro questo inizio mese è stato più duro degli altri ma siamo al giro di boa che ci porta verso agosto, lontani dal lavoro e dallo stress quotidiano, forza e coraggio e buon fine settimana.

come sempre il vostro mr.henri

(*) termine da me coniato per indicare signore e signorine dallo spirito giovane

mercoledì 14 luglio 2010

ma l'ho messo il detersivo in lavatrice?

In questi giorni di caldi asburgici un'altra cosa che gira con il ventilatore è la lavatrice, indumenti e lenzuola da lavare a giro, se salti un giorno poi ce ne sono due,  tre e quattro da fare, l'errore che faccio più comunemente è scordarmi di mettere dentro la maledetta pallina del detersivo, una volta su tre.
La riempio per bene con un mix invitante, all'odore, di detersivo ed ammorbidente in giusta dose per evitare l'effetto"indumento di cartone" e via, si magari 0o!

martedì 13 luglio 2010

castelli di sabbia

Vi  è mai successo che vi si sgretoli davanti agli occhi un castello di sabbia? penso di si.
Questa se vogliamo è una buona metafora per spiegare come alcune situazioni di lavoro apparentemente piene di  possibilità ed aspettative a volte si rivelino una fregatura.
La scocciatura è quando ti capita la situazione giusta, un bel progetto da seguire, le persone giuste e volenterose nel volerlo realizzare, ma poi per qualche motivo solitamente legato ad aspetti burocratici, non se ne possa fare nulla.
Non vado a spiegarvi noiosi dettagli tecnici dell'accaduto, ma dice bene un mio amico "la legge e le regole intrappolano la creatività a tal punto da avvilire i progetti" e non si riesce mai ad avere, in fase di presentazione, degli interlocutori che si sforzino a capire le scelte progettuali, pensano sempre che li vuoi fregare, che tristezza sto paese.

intanto attendo come un miraggio le meritate vacanze, saluti, mr.henri 

lunedì 12 luglio 2010

tra cielo e terra

Il posto ideale per un sognatore come me.

mercoledì 7 luglio 2010

lunedì 5 luglio 2010

il vantaggio di essere insonni

Dopo una serata passata con gli amici, non distruttiva, partita a qualche gioco di strategia, tra birra, kebab, ventilatore a palla e molte cazzate non facciamo tardi domani si lavora, saluto tutti, giusto un gavettone quando escono dal portone di casa, rimetto tutto in ordine. 
Mi faccio una doccia di venti minuti con quel bagnoschiuma al cocco, mi rilassa sentire quell'odore sulla pelle quando mi metto a dormire, in tv danno "Gattaca", non mi prende proprio sonno, mentre lo vedo accendo il portatile, controllo la posta, scrivo qualche messaggio ed ancora non arriva la pesantezza delle palpebre, magari posso trascrivere quella relazione mi dico, se non mi fa dormire quella allora nulla può.
Prima pagina, seconda pagina, un paio di tabelle, terza pagina, c'è pure qualche errore, ora si che è completa le manca solo la parola, la stampo pure, quasi li sento pesanti gli occhi, giusto il tempo di mettere tutto nero sul bianco e di fare un saluto sul blog.

buona settimana a tutti, ho la sensazione che sarà una buona settimana

saluti, mr.henri

mercoledì 30 giugno 2010

Strane sensazioni

Il solito giro di canali, una trasmissione che parla di casi irrisolti in italia, in primo piano la strage di Ustica, ce ne sono davvero tante di cose irrisolte in questo paese mi chiedo, qualche anno fa ci avrei passato la nottata a guardare una trasmissione del genere ma alla fine mi è arrivata da dentro una sensazione, quella sbagliata, del tipo "chi se ne frega tanto non si risolve nulla con tutte ste chiacchiere".
Allora mi chiedo se il tempo riesce a cancellare tutto, a seppellire anche la fiducia di dare giustizia a chi la aspetta da decenni, mille dettagli in tutti questi casi e la verità resta sempre più lontana, mi sembra impossibile!
Ed intanto ci rassegniamo? forse è così e basta!

saluti, mr.henri

venerdì 25 giugno 2010

No more Vuvuzelas

Come si fa a fare finta di niente? Non si può!

Torni a casa di fretta, lo stomaco chiuso che non riesci a mangiare, ti aspetti di vedere l'orgoglio della nazione all'opera, perchè oggi come oggi dell'italia c'è poco da essere fieri e vieni preso a pallonate da una delle ultime squadre del mondiale.

Poi la vergogna dei giocatori non riesci proprio a vederla.

Esci per una pizza di alleggerimento con gli amici che nel pomeriggio ti danno una bella notizia, di quelle che ti fanno davvero piacere e ti fanno passare l'amaro.

Ritorni e trovi le facce di cartone dei giornalisti RAI che non vedono l'ora di dire che ora tiferanno Argentina, buffoni incompetenti, secondo loro le vincevamo tutte 4-0 le partite, vorrei vedere quanto sono costati loro e le loro cazzate che invece di dare appoggio alla squadra ci hanno vomitato sopra per settimane.

Tutto ciò mi ha fatto ricordare perchè ho smesso di seguire il calcio 10 anni fa.

notte, mr.henri

lunedì 21 giugno 2010

follow the rabbit 2, the beginning of the ascent

Scolpite, si fa per dire, le prime tacche sulla cintura della soddisfazione.

L'aria fresca del primo pomeriggio estivo era favorevole al corridore solitario, solo quella bastava ad infondere coraggio, la giornata buona per rompere il fiato nella corsa in esterni, sul tappeto è tutta un'altra cosa, potrei girarci per ore.

La coniglia era lì, come sempre, e sfoggiava un giacchetto largo a nascondere le forme esili, dopo un primo giro di campo, circa un chilometro, le gambe cominciano a sciogliersi, altri due prima di aumentare il ritmo, il solito doloretto al ginocchio ma non ci faccio caso, non oggi, aumento il ritmo deciso a prenderle 1/5 di giro, tutto ok, uno dopo l'altro gli sto dietro di mezzo, ma non basta oggi sono in ritardo con i tempi e so che presto prenderà la via di casa.

Al settimo giro le sono quasi dietro, 100 metri, oggi non può salutarmi da lontano, mi accontento, rallento e aumento il respiro, sento l'aria che attraversa i polmoni e il cuore che batte forte, 185 a scendere, tre giri buoni quasi bastavano, c'è ancora da lavorare, sulla fiducia e sul ginocchio, ma questa sera il corridore solitario può tornare a casa soddisfatto.

saluti, mr.henri

venerdì 18 giugno 2010

in trincea sotto casa

Tutti in trincea anche questa mattina con rumori che rievocano colpi di mitragliatrice:




"....in attesa che arrivino i Tedeschi" dice il Turco a Tommy il piccolo (*)

(*) citazione dal film "Snatch"(2000 regia Guy Ritchie)

saluti,mr.henri

giovedì 17 giugno 2010

Dico tre parole; Sole, Mare, Rumore

Sole, che ti dà energia nelle giornate di lavoro iniziate presto, che ti fa regalare un sorriso pure dalla cassiera del bar sempre incazzata, che ti risveglia il buon umore;

Mare, sognato, limpido e fresco che ti avvolge la pelle dopo una bella camminata sulla spiaggia;

Rumore, della strada che ti circonda, dei lavori eterni di Roma capitale, del vociare del mercato sotto casa, che ti riporta alla giornata che resta;

saluti, mr.henri

domenica 13 giugno 2010

AMA, licenza di sfasciarti la macchina

Per la serie "non è un paese per onesti", ma lo si sa da tempo.

Qualche settimana fa un camion dell'AMA (azienda che smaltisce i rifiuti nel comune di roma) ha depositato un cassonetto, dopo averlo svuotato, sul paraurti della macchina di mio padre, circa 1500 euro di danno. Nessun biglietto da parte dell'autista per segnalare lo spiacevole incidente, come è suo dovere quando accadono queste cose, come suo dovere da onesto cittadino.

Contattata l'AMA con svariate telefonate alla compagnia automezzi si scopre che in casi del genere l'autista è tenuto a fare un "cid" come un normale incidente d'auto, ma se non lo fa e gli viene attribuita la colpa di un danno viene multato dall'AMA stessa oltre a seguire le conseguenze della mancata segnalazione. 
E' evidente che a fare il danno sia stato il mezzo dell'ama visto che non c'èra modo per altri veicoli di fare quel tipo di danno, naturalmente ho documentato tutto con foto all'assicurazione. 

Oltretutto i cassonetti si trovano non in una area delimitata da righe gialle ma sui parcheggi blu, la mattina che ho scoperto il danno, i 4 cassonetti erano tutti mal riposti, uno addirittura metà sul marciapiede.

Ovviamente dall'AMA non solo non si viene a sapere quale camion la notte del danno ha fatto servizio e ovviamente non si potrà mai sapere quale autista guidava il mezzo, omertà assoluta in un paese sempre più di merda che mi fa pensare che se all'estero ci chiamano mafiosi ci sia un motivo dopo tutto.
L'avvocato dell'assicurazione naturalmente senza "testimoni oculari" non smuove il culo.

Siccome quando vengo preso per il culo ci metto due minuti a diventare un figlio di puttana credo proprio  che la cosa non finirà quì, vi farò sapere.

saluti, mr.henri

venerdì 4 giugno 2010

follow the rabbit

Prima corsa in esterni della stagione: scarpe nuove, tuta nuova, cardiofrequenzimetro collegato al conta passi elettronico che registra la velocità e trasmette tutto all'orologio, cuffie nelle orecchie, mancano solo una piccola cosa "il fiato per correre", sono sempre stato come si dice in termini tecnici "spompato" per non parlare della mancanza di ritmo per questo ho preso il contapassi per mantenere la velocità giusta, costante, tenendo d'occhio la rilevazione della velocità sull'orologio, che mi distrae ogni tanto quindi devo stare attento ad evitare gli alberi.
Il corridore da villa non è come me che sono stagionale, il corridore da villa corre tutti i giorni, anche se piove e tira vento, non lo ferma nessuno come "il maratoneta", si conoscono tutti corrono a coppia mentre parlano, cosa per me impossibile, per me la corsa è solitudine, voluta, una cosa personale contro me stesso gli altri non contano.
Mi guardo in torno mente faccio due piegamenti fantozziani per evitare lo strappo del principiante e noto subito una ragazza, sui 30', che percorre il viale del museo Borghese, decido di partire dopo qualche secondo che mi passa davanti per prendere il ritmo, è molto in forma sicuramente è una corritrice abituale, scarpa tecnica, tuta leggera, cappellino rosa con stampato un coniglietto di playboy, capelli raccolti in una coda, perfetta!.
Naturalmente non ho il suo ritmo e la sua falcata, ad un certo punto si gira, ma è già lontana, tra me penso "tranquilla bambina non posso raggiungerti, ne riparliamo tra 2 settimane".

saluti, mr.henri

lunedì 31 maggio 2010

Dalle stalle alle stelle, la cucina scacciapensieri

Oggi di ritorno ad un orario decente a casa ho deciso di sperimentare una ricetta:

Polpette di Melanzane (credo siano di origine sarda) per 6 persone: 1 kg di melanzane, 3 uova, aglio, pan grattato, 80 gr di pecorino grattugiato, 3 cucchiai di olio di oliva, sale e pepe.


Fate le melanzane a cubetti piccole, dopo averle sbucciate, e mettetele a bollire in acqua salata per 10 minuti, solatele e fatele raffreddare quindi schiacciatele e unite pecorino, sale, pepe e due spicchi di aglio tritati, amalgamate con olio.
Se l'impasto è troppo morbido aggiungete un pò di pane grattugiato nell'impasto quindi formate delle palline da 4-5 cm di diametro da passare poi nelle uova sbattute, girate la pallina bagnata dall'uovo nel pane grattugiato e friggete fino a doratura in olio di oliva.
Non sembra complicata, le ho assaggiate tempo fa in pizzeria sono molto buone, la ricetta l'ho rubata rubata da un libro di cucina mentre facevo un giro in libreria, la foto è presa su internet, magari venissero così, poi vi aggiorno sul risultato.

saluti, mr.henri

sabato 29 maggio 2010

euforia musicale

....dimmi baby, qual è la tua storia?
da dove vieni?
e dove vuoi andare questa volta?
dimmi, amore, sei sola?
quello di cui abbiamo bisogno non è mai
tutto quello che è difficile da trovare
dimmi baby, qual è la tua storia?
da dove vieni?
e dove vuoi andare questa volta?
sei così amorevole, sei sola?
ti arrendi sull'innocenza
che ti sei lasciata dietro....



lunedì 24 maggio 2010

Certi Sogni...

Ci sono dei periodi che mi capita di fare un sogno, uno in particolare, paurosamente ricco di dettagli, credo in generale di avere una buona immaginazione ma non così buona da ricreare una cosa del genere, quello che mi turba è che riguarda la mia vita passata ma la parte finale che arriva ai giorni nostri è ben diversa, è quella di un bel film, quella di una vita senza errori, di scelte diverse non so se giuste, innaturale, ma che mi fa riflettere ogni volta per giorni.

Chissà se da qualche parte c'è un mr.henri che vive i momenti di questo sogno e magari ho visto nel sonno parte dei suoi ricordi, vabbè sono pensieri inutili, domani è un altro giorno.

Mi viene da pensare ad una immagine come questa:





venerdì 21 maggio 2010

coffee break

Solo un pensiero, per dire che è bello ogni tanto materializzare quelle parole scambiate sullo schermo del pc, vedere che dietro questi blog ci sono persone vere, specie se sono come te le immagini, e allora è come conoscersi da tanto e tutto viene naturale come con un vecchio amico.

saluti, mr.henri

lunedì 17 maggio 2010

Morte di un mito

Scompare uno dei miti della musica metal, "Ronnie James Dio", uno dei più grandi autori e vocalist di musica metal mai esistiti, cito le parole della moglie "Sappiate che voleva bene a tutti voi e che la sua musica vivrà per sempre" su questo non c'è dubbio, bye Ronnie voglio ricordarti con le parole di questa canzone che amo tantissimo:

Cooking henri

Questa sera con ingredienti molto semplici ho fatto due pizze, una con pomodori a pezzettoni, origano e mozzarella, l'altra con zucchine tagliate a rondelle, pepe nero, una spolverata di parmigiano e mozzarella.
Lievitazione lunga 6 ore, croccante come non mi veniva da tempo, si vede che pure la pizza risente dei miei cambiamenti di umore, a coronare tutto birra peroni gran riserva, la mia preferita.
Documento con foto, non era tutta per me ovviamente :)
(fotacce scattate con cellulare)


 saluti, mr.henri

giovedì 13 maggio 2010

lunedì 10 maggio 2010

in cerca di sole e ciambellone

Che palle! Giornata passata a scartabellare tra i libri, non c'è neanche la giusta luce che entra dalla finestra ed allora mi viene voglia di tutto tranne che di lavorare e studiare, i libri sembrano più grigi e aridi del solito senza la giusta luce, lampeggia a vuoto pure il cursore sullo schermo del portatile, sembra ansioso che ci butti dentro qualcosa ma non è proprio aria.
Intanto si fa sera, non ho fame, mi basterebbe un bicchiere di latte ed una fetta di ciambellone ma mi accorgo che non ho gli ingredienti per farlo, che sfiga! neanche a pensare di suonare ai vicini che di solito suonano da me in certe occasioni.

Niente che un pò di musica non possa alleviare.

saluti, mr.henri

giovedì 6 maggio 2010

Cade la pioggia su di Voi...

Non so mi è venuta così, come si fa a dare un titolo ad un post se non ti viene proprio?
Questa sera è una di quelle, fuori tuona pure e non può nulla neanche la tv in streaming ci vorrebbe un film tipo "la corazzata Potemkin" per farmi dormire questa sera, con la mitica scena della scalinata di Odessa... e si perchè una volta ho avuto il coraggio di vederlo sto film, mica male alla fine, ma duro da reggere, diciamo che può addormentare le mandrie.
Un'altra cosa che mi farebbe dormire se ricordo bene, anzi per niente visto che dormivo, erano le lezioni di restauro di un mio professore universitario, aria fritta il restauro, alla fine se te la suoni fai come ti pare, metti pure gli infissi in alluminio al colosseo.
Poi c'è il gran premio, qualsiasi gran premio, semaforo rosso, semaforo verde, tempo 1 minuto e dormo.
L'ispettore Derrik, alla prima pausa durante un' interrogatorio, quando stringe l'immagine su Derrik che guarda perplesso, lì già dormo.
Poirot, quell'accento francese mi da ai nervi, cerco di seguire di capire, dormo, e quando mi sveglio siamo già al confronto finale, però mi ricordo tutto, lo seguo in dormiveglia.

la prossima volta vi racconto le altre cose che mi fanno dormire, ora butto la testa sotto il cuscino, domani/oggi sveglia alle 7,00.

(00)  mr.henri

venerdì 30 aprile 2010

Doppio horror, quasi

Ecco altri due film visti di recente:

La città verrà distrutta all'alba, the crazies (Breck Eisner 2010)

In una tranquilla cittadina americana cominciano ad accadere strani episodi di violenza, lo sceriffo ed il suo vice nel compiere indagini si imbattono in un aereo militare caduto nella vicina palude.
Remake dell'omonimo film di George A. Romero questo film è ben girato, l'escalation di eventi che presto sconvolgono la vita della cittadina è ben articolato, buona la recitazione degli attori, Timothi Olyphant interpreta bene la parte del giovane sceriffo (ma se va avanti con 2 espressioni facciali rimarrà relegato a ruoli marginali), si rivede dopo un pò di assenza dalle scene Radha Mitchell (Il mondo dei replicanti,Silent Hill, Pitch Black ) nella parte della dottoressa moglie dello sceriffo, buona la sua recitazione, nonostante la trama non proprio innovativa resta è un film da vedere.

Zombieland ( Ruben Fleischer 2009)

La terra è invasa dagli zombie, un gruppo di superstiti si incontra in questa terra devastata tentando di sopravvivere, Columbus è un giovane studente appassionato di videogiochi e film horror ed è riuscito a sopravvivere seguendo alcune regole da lui stesso scritte,Tallhassee è un cowboy violento che si trova a suo agio  in questo nuovo mondo, Little Rock e Wichita sono due giovani truffatrici che vivono di espedienti.
Non è il solito film sugli zombie, è un film drammaticamente comico nel quale ci sono tantissime citazioni a film dello steso genere (resident evil, la notte dei morti viventi) e non solo (un tranquillo week end di paura), Woody Harrelson (natural born killers) nella parte del cowboy è bravissimo, come anche il giovane Jesse Eisemberg nel ruolo del giovane NERD veramente divertente, un film ben fatto e ben diretto, da vedere.


saluti, mr.henri

venerdì 23 aprile 2010

Notti di cinema

Film, film, film, vecchi e nuovi e sui nuovi recensisco:

From Paris with love ( Pierre Morel 2010)                                                         James (Jonathan Meyers) è l'assistente personale dell'ambasciatore americano a Parigi, conduce una vita tranquilla con la sua ragazza (Kasia Smutniak) ma vuole fare carriera come agente segreto, nella sua prima importante missione gli viene affidato come collega l'agente Wax (John Travolta).
La regia in questo film è totalmente assente, soffocata dai ritmi improbabili della storia, un film di spionaggio da ridere, in teoria, che raccoglie tutti gli stereotipi dei film di spionaggio e di altri di azione da cui attinge molto, vedi Arma Letale per il personaggio interpretato da Travolta che recita oscenamente, il ruolo del protagonista poteva essere interpretato da chiunque quindi si è preferito per il belloccio Meyers, la Smutniak? non pervenuta. Se questo dovrebbe essere il film d'esordio della casa cinematografica di Luc Besson mi sa che le cose si mettono male, lasciate perdere.

Gamer, ultimate game (Brian Taylor 2010)
John Tillman (Gerard Butler) è un detenuto condannato a morte che ha accettato di essere uno dei protagonisti del gioco di guerra/reality "Slayer", per guadagnarsi la libertà dopo 28 partite vinte, questo gioco insieme al libertino "Society" inventato dal sadico Ken Castle (Michael C. Hall) permette ad un giocatore esterno di prendere il controllo del corpo di Tillman e controllarlo all'interno del gioco, ma la tecnologia che permette questo controllo si rivela pericolosa.
Un film molto interessante e ben diretto, forse un pò troppo veloce, buona l'idea del gioco di guerra/reality, nel cast oltre agli attori citati ce ne sono anche altri noti per la loro partecipazione a serie tv, lo stesso Michael C. Hall protagonista della serie Dexter, che in questo film dimostra una certa naturalezza nei ruoli che interpreta, Butler fa la sua parte del duro soldato che combatte per rivedere la famiglia, da vedere.

saluti ;) mr.henri

giovedì 22 aprile 2010

madonna che silenzio c'è stasera!

Dopo una cenetta orientale ed una birretta con due cari amici, soddisfatto, piombo nel letto come un sasso certo di poter riuscire a dormire, finalmente..... ma niente! allora butto giù due righe di un libro ormai impolverato, figuriamoci..... quasi quasi mi rivesto e vado a fare un giro in moto, le chiavi quasi le vedo sono sul tavolo..... mi rigiro un paio di volte...... ma si vado! ore 1.45

4.38 di ritorno, forse ora un paio di ore di sonno riesco a farle

mr.henri

giovedì 8 aprile 2010

Torno a parlare un pò di me

Questi giorni di festa li ho passati pensando a tutto tranne che alla festività in se, la pasqua, ormai una formalità religiosa per me quella di dire "buona pasqua" mi è sempre più facile dire buone feste, buon riposo, in molti avranno festeggiato la pasqua attraverso i riti religiosi, altri a tavola o tra gli amici, io preferisco sempre l'ultima soluzione, quella del condividere tempo libero con amici, in modo spensierato, ridendo e scherzando.

saluti, mr.henri 

martedì 6 aprile 2010

Un anno tra le macerie


Il calendario scorre impietoso e i titoli dei giornali ci ricordano che è passato 1 anno dalla tragica notte che ha distrutto la città di L'Aquila, portando via molte vite, non sto quì a fare polemica sulla ricostruzione perchè l'informazione ormai non dà più la possibilità di valutare oggettivamente quello che è stato fatto o quello che c'è ancora da fare, è comunque doveroso ricordare.

saluti, mr.henri

mercoledì 31 marzo 2010

Analyze this...

(termografia della luna di saturno, soprannominata pacman)

A volte è tutto così complicato che può venire voglia di non risolvere certi problemi specie se si è fatto di tutto per risolverli e ti ritrovi al punto di partenza, un anno dopo l'altro, e ne sono passati di anni.
Adesso non mi va più di ascoltare gli altri ho deciso di fare a modo mio senza consigli, medici e non, seguirò il mio istinto, come ho sempre fatto, per tutto, più o meno bene, più o meno, ma con la mia testa, sennò perchè dovrebbero continuare tutti a chiamarmi TESTARDO!
saluti, mr.henri

martedì 23 marzo 2010

Cambio di stagione e di marcia


Ci vuole sempre una ripartenza energica dopo un periodo di assopimento dovuto al lavoro e allo studio in casa, sarà che non ci sono più abituato, ed ho bisogno di cambiare registro, pagina, capitolo, si avvicinano tante scadenze una più pesante dell'altra, un bel filotto da fare entro l'inizio dell'estate, probabilmente riesco a metterci in mezzo anche un viaggetto dopo pasqua per spezzare il ritmo, ci vuole, la meta la deciderò all'ultimo, non mi mancano i posti da visitare in europa.

a presto, mr.henri

mercoledì 10 marzo 2010

Condanna a morte mediatica



Da sempre seguo le storie di cronaca nera, sono appassionato di gialli, trasmissioni come Blu Notte, misteri Italiani, sono fatti per i nottambuli come me che non possono fare a meno di lasciarsi trasportare da queste storie, forse anche perchè questa è accaduta i una zona che frequentavo da giovane.
Credo che non troverà mai fine la ricerca del colpevole di questo omicidio, ma questa storia continua a fare vittime, probabilmente, tra gli innocenti, ma proprio questo dubbio insinuatosi anche tra la stampa ha portato ad un tragico gesto uno dei sospettati.
Secondo me è un fatto gravissimo che in queste situazioni non si tenga conto della fragilità a cui sono soggetti tutti gli interessati di queste vicende, per "dovere di cronaca" si sparla di tutti e di tutto, senza badare alle conseguenze, ma chi ci ha speculato sopra a queste cose ora dove sta? a casa a scrivere il suo articolino pungente su qualche altra storia, sapendo di far danno e senza pagare, perchè per questa morte non pagherà nessuno ma solo i cari di questa persona.
saluti, mr.henri

martedì 2 marzo 2010

Ristrettezze Politiche

Si avvicinano le elezioni ed invece di allargarsi il dibattito politico si restringe, a questo punto si preferisce tappare la bocca a quelle trasmissioni che da una parte e dall'altra tirano acqua al loro mulino, non è che ne ho mai seguite molte ma questo gesto MI SEMBRA DAVVERO STRANO! e quando qualcosa non mi torna ci rifletto sempre sopra e allora "mi domando e dico", come direbbe il mitico Totò, dove sta il ruolo dell'informazione? si è azzerata con internet? visto che ora ci cerchiamo le informazioni dove meglio vogliamo? ma allora "mi domando e dico" chi non usa internet? perché non dimentichiamo che ci sono gli anziani ed i meno anziani in italia che non ne vogliono sapere di accendere un pc, ma anche qualche quarantenne, tutti questi comprano i giornali?, assisteremo ai dibattiti politici tipo quelli degli anni 80' ? pura propaganda senza riscontro?

Chi vivrà vedrà, magari ne parliamo tra qualche giorno.

saluti, mr.henri